YouTube...... Flickr........ Facebook...... Yahoo...... Gmail...... Hotmail


BENVENUTI NEL MONDO DI DHUUMCATU
via Casilina 525, Roma /// tel.064465152 ///
fax.062424099 /// dhuumcatu@yahoo.it

seguici su:


Profilo ufficiale su Facebook Canale ufficiale su YouTube Album fotografico su Flickr

Preghiera Fine Ramadan a PIazza Vittorio, Marrnella e Largo Preneste



Preghiera di Fine Ramadna: Domani oppure dopo domani 26 Giugno 2017  
Piazza Vittorio- Dalle ore 7.00- alle ore 10.30
Largo Preneste- Dalle ore 8.00 alle ore 9.00
Marranella Perestrello- Dalle ore 7.10 alle ore 9.30
siete tutti invitati


Cos'è il Ramadan? Il Ramadan è il nono mese del calendario islamico e dura circa trenta giorni.

Cosa significa calendario islamico? Il calendario islamico è un calendario lunare in cui l'anno zero corrisponde al 622 d.C., anno in cui il profeta Maometto (Mohammed S:) e i primi devoti musulmani si trasferirono dalla città di Mecca a quella di Medina, nell’emigrazione storica nota come l'Egira. Per i musulmani l'anno corrente è il 1438.

Perché il Ramadan non è mai nello stesso periodo dell'anno? Il calendario lunare dura circa dieci giorni in meno rispetto a quello solare gregoriano, utilizzato nella maggior parte del mondo. Ogni anno, quindi, tutti i mesi islamici arrivano con dieci giorni di anticipo rispetto all'anno precedente.

Perché è un mese sacro? Secondo la tradizione islamica, i primi versi del Corano furono rivelati al profeta Maometto proprio durante il Ramadan, nella notte di Laylat al-Qadr, che corrisponde a una delle notti dispari negli ultimi dieci giorni del mese. I musulmani credono che in questa notte Dio perdoni ogni peccato e esaudisca ogni desiderio, ma non avendo la certezza di quale notte si tratti esattamente, i fedeli passano tutte le notti dispari degli ultimi dieci giorni a pregare.
In cosa consiste il digiuno? Il digiuno è spesso largamente inteso come un'astinenza dal cibo, ma non è solo questo. I digiuni del Ramadan prevedono che ci si astenga dal bere, mangiare, avere rapporti sessuali, mentire, fumare, usare un linguaggio scurrile e fare la guerra. Bisogna essere più devoti possibile, fare beneficenza e passare molto tempo a leggere il Corano e meditare. Il Corano è diviso in 30 parti uguali chiamate juz', e molti fedeli ne leggono una al giorno in questo mese.

Quanto dura il digiuno? Il digiuno comincia prima dell'alba e termina dopo il tramonto. Non bisogna mangiare o bere nulla nelle ore di luce. Nei Paesi più a nord, dove durante l'estate il sole non tramonta o tramonta solo brevemente, si tendono a rispettare gli stessi orari della Mecca, o possono seguire l’orario di digiuno dei paesi più vicini. 

Chi deve digiunare? Il digiuno in questo mese è obbligatorio per tutti i fedeli che possono sostenerlo. Bambini, anziani, persone malate, viaggiatori e donne incinte, in fase di allattamento o mestruate, sono esenti dall'obbligo religioso.

Cosa succede se non si rispetta il digiuno? Se una persona non è in grado di digiunare deve dare un pasto a un povero per ogni giorno di digiuno che salta, e se riesce deve ricuperare i giorni non digiunati prima dell'arrivo del prossimo Ramadan.

Perché si digiuna? Per disciplinarsi e purificarsi. I musulmani imparano a controllare le loro voglie e reprimere i loro istinti. Imparano a essere padroni di se stessi e si avvicinano a Dio.

Si può mangiare qualsiasi cosa al termine del digiuno? Sì. Dopo aver recitato una brevissima preghiera, si è soliti mangiare datteri o bere acqua per aprire il digiuno, come faceva il profeta Maometto. E consigliato mangiare cose sane e nutrienti che non appesantiscano lo stomaco.

Cosa succede dopo l'ultimo giorno di digiuno? Si festeggia. La festa che cade alla fine del Ramadan si chiama Eid ul Fitr. I festeggiamenti cominciano con il sorgere della luna nuova. Durante l'Eid, i musulmani indossano i loro vestiti migliori, partecipano in processioni religiose, si scambiano regali, passano del tempo con la loro famiglia, mangiano abbondantemente e si augurano a vicenda Eid mubarak, ovvero "buon Eid". La maggior parte dei fedeli dona soldi in beneficenza per assicurarsi che anche i meno fortunati possano festeggiare

Ass. Dhuumcatu, Via – Casilina, 525, sito: WWW.DHUUMCATU.ORG


Bengalesi in Torpignattra con l'ifter Pubblica

IFTER PUBBLICA 11-06-2017, Largo Bartolomeo Perestrello
Torpignattra- dalle ore 20.00 - fino 21.00 siete tutti invitati
Festa della Religione Islamica “Ramadan”

Vi informiamo che il 27 maggio è iniziato Ramadan, il mese del digiuno praticato da tutti i musulmani del mondo.
Il digiuno inizia dal “Fajr”, intorno alle 3.20 del mattino, fino al tramonto del sole.
Assalamualikum Warahmatullah,
La nostra Associazione festeggerà il Ramadan e invita anche voi a partecipare all’evento religioso e culturale Islamico, una possibilità per stare insieme e conoscerci meglio.
Come ogni anno stiamo organizzando un “ Iftar Pubblico” .
Che cos'è l’Iftar?
L’Iftar è un pasto che unisce tutti i musulmani a tavola dopo una lunga giornata di digiuno.
Stiamo organizzando questa giornata proprio per presentare alla società Italiana la cultura e le usanze islamiche.
Per incentivare la convivenza multi religiosa abbiamo invitato anche i rappresentanti di altre fedi.
Tutti i fedeli di diverse religioni interverranno per parlare della convivenza sociale e per ricordarci che la religione è un ponte per la fratellanza non uno strumento per dividere gli essere umani.
Iftar Pubblico, il pasto è gratuito
Domenica , 11-06-2017, Ore 20.00
A Largo Bartolomeo Perestrello- Torpignattara
Siete tutti invitati, nonché siete vivamente pregati di diffondere questa notizia e di essere presenti per trasmettere la convivenza. Noi crediamo in Voi cittadini come punto di partenza per la convivenza.
Evento organizzato dall’Associazioni: Greater Dhaka Somity
Fino adesso hanno Aderito:
Ass. Bangladesh in Italy, Ass. Indiana, Ass.Pakistan, Ass. Afganisthan
La DUA e Preghiera guidato dalla Sala Preghiera: Masjeed-e-Rome
Co-ordinato dall’associazione Dhuumcatu Onlus.
Siete tutti invitati
Ufficio Stampa:
Info: 064465152, 3398127020
যাহারা অথবা যেই সংগঠন অংশ গ্রহন করতে চান নীচের নাম্বারে যোগাযোগ করুন।
Per adesione: 3275697209,3291160919, oppure:dhuumcatu@yahoo.it
রবিবার, 11-০৬-২০১7 ইফতার মাহফিল
আপনি আমন্ত্রিত
ভিয়া মারানেল্লা কাঁচা বাজার সংলগ্ন BANGLA PARK , Piazza Bartolomeo Perestrello-- Torpignattara
ধর্ম ও ইতালীর সমাজ ব্যবস্থা
আস্সালামুআলাইকুম, প্রিয় সাথী ও বন্ধুগণ। পবিত্র রমজান চলছে আমাদের মাঝে । মহান আল্লাহতায়ালা সকলকে রোজা রাখার তৌফিক দান করুন।
নামাজ, রোজা, পশু কোরবানী ইত্যাদি বিষয় গুলি কি ইতালীর সমাজ ব্যবস্থা, অথবা ইতালীর রাজনৈতিক কর্মসূচী কিংবা প্রশাসন অবগত আছেন ? যদি না থেকে থাকে, এই তথ্য গুলি তাহাদের নিকট তুলে ধরার দায়ীত্ব কে নিবে ?
আমাদের ধারনা এই দায়ীত্ব আপনার, আমার সকলের। আপনি কি জানেন, একজন পুলিশ যখন কোন মুসলিম বিদেশীকে স্বাভাবিক একটি কন্ট্রল করার জন্য পথ রুখে দাড়ায়, আর সেই সময়টা যদি একজন রোজদারের জন্য ইফতারের সময় হয় কিংবা শেহেরীর সময় ঘটে, তখন সেই পুলিশকে এই তথ্যটা দিবার দায়ীত্ব সামাজিক ভাবে সকলের ?
যদি সামাজিক ও রাজনৈতিক ভাবে এই তথ্য গুলি ইতালীর সমাজ ব্যবস্থা ও প্রশাসনের নিকট তুলে ধরতে না পরি তবে, প্রতিটি নামাজী লোক, রোজদার বিভিন্ন সময় এমন এক অবস্থার পরিস্থিতিতে পরবে যে, পূর্ণদিন রোজা রাখার পর তিনি সময় মত ইফতার করতে পারলেন না। আবার এমন ও হতে পারে পূর্ণ মাস সিয়াম করার পর ঈদের নামাজ আদায় করতে পারলেন না, কারন আমরা আমাদের এই ধর্মীয় দিক গুলি ইতালীর সমাজ ব্যবস্থার নিকট পূর্ণ ভাবে তুলে ধরতে পারি নাই।
এযাবৎ আপনারা জানেন, ২০০১ এর নিউইয়র্ক সিটির দূর্ঘটনার পর যখন সমস্ত পশ্চিমা বিশ্বে মুসলিমদের উপর অহেতেুক অত্যাচার শুর করে, এর বিপক্ষে আপনাদের সহযোগীতায় ইতালীর রোম শহরে একটি গণমিছিল এর আহ্বান করা হয়, সেই মিছলি রোজার মাসে থাকায় এবং মিছিলের সময় ইফতার এর সময় এর সাথে এক হওয়ায়, রোম শহরের প্রানকেন্দ্র ভিয়া কাভোর বন্ধ করে দিয়ে প্রথম বারের মত ইতালীর রাজপথে মাইকে মাগরিবের আজান, নামাজ ও ইফতার এর ব্যবস্থা করা হয়।
সেই মিছিলেই ঘোষনা দেওয়া হয় ইনশাহ্আল্লাহ খোলা মাঠে পবিত্র ঈদুল ফিত্র এর নামাজ আদায় করা হবে। প্রশাসনের সাথে রাজনৈতিক ভাবে মোকাবিলা করে আল্লাহর রহমতে, আপনাদের সকলের সহযোগীতায় ও মসজিদ - এ - রোম এর খতিব জনাব মিজানুর রহমানের পূর্ণ সাহসিকতায় আমরা খোলা মাঠে নামাজও আদায় করি। এর পর বর্তমানে দীর্ঘ ১৪ বছরে রোম শহরের বিভিন্ন স্থানে খোলা মাঠ সহ ইতালীর বিভিন্ন স্থানে খোলা মাঠে নামাজ আদায় হচ্ছে।
ঠিকে সেই রুপ, ভাবে আমাদের উচিৎ হবে, রোজা ও ইফতার বিষয়টি ইতালীর সমাজ ব্যবস্থার নিকট ও তাহাদের রাজনৈতকি কর্ম সূচীতে এর প্রভাব ও প্রচার করতে হবে। আর সেই কারনেই আমরা মনে করি কম করে হলেও একদিন সকলে একত্রিত হয়ে খোলা মাঠে ইফতারের ব্যবস্থা করি এবং সেখানে ইতালীয়ান রাজনৈতিক নেতৃবৃন্দ থেকে শুরু করে প্রশাসনের সকল কর্মকর্তাগণদের আমন্ত্রন জানাই।
যেমনটি করা হয়ে ছিল, পিয়াচ্ছা ভেনেসিয়াতে, সকল টুরিষ্ট ও ইতালীর প্রশাসনের সম্মুক্ষে মুসলিমদের জন্য একটি আলাদা কবরস্থান পাওয়ার জন্য।
ঠিক সেই রুপ ভাবে ইফতার মাহফিলেও তাহারা উপস্থিত হয়ে দেখুক একজন মুসলিম কি প্রকারে রোজা রাখে এবং কি প্রকারে ইফতারের ব্যবস্থা করে? শুধু তাই নয় আমাদের মা-বোনদেরকেও ইফতার মাহফিলে অংশগ্রহন করা একটা সুযোগ করে দেওয়া উচিৎ। কারন মসজিদ গুলিতে মহিলাদের অংশগ্রহনের কোন সুযোগ থাকে না। আর সেই সুযোগটা নিচ্ছে, ইসলাম বিদ্ধেষী কিছু লোক, তাহারা অপপ্রচার করছে যে, ইসলাম ধর্মে যেখানে পুরুষ থাকবে, সেখানে মহিলারা যেতে পারবে না।
তাই আমরা আপনাদেরকে অনুরোধ করছি, বৃহত্তর ঢাকা সমিতি ইতালীর আয়োজনে, মসজিদ-এ-রোম এর অংশগ্রহনে খোলা মাঠে গণইফতার-২০১7 তে সকলেই অংশগ্রহন করি, সাথে আপরকে অংশগ্রহন করার জন্য অনুরোধ করি। আপনার অংশ গ্রহন ও অনুরোধ আগামী দিনে ইতালীর সমাজ ব্যবস্থায় রোজা ও ইফতার প্রতিষ্ঠিত হবে ইনশাহ্আল্লাহ। শুধূ তাই নয়, যদি আমরা সকলে একত্রিত হয়ে এই প্রকার অনুষ্ঠান গুলি আয়োজন করতে পারি, একদিন এমনও হতে পারে যে, সকল ধর্মের ঊৎসব দিন গুলি সরকারী ছুটি দিতে বাধ্য থাকিবে।
আমরা শুধূ মাত্র ইসলাম ধর্মের কথাই বলছি না, সকল ধর্মের ধর্মীয় অনুষ্ঠান ও সংস্কৃতি ইতালীর সমাজ ব্যবস্থার নিকট তুলে ধরা আমাদের দায়ীত্ব, যেমন টি আমরা সনাতান (হিন্দু) ধর্মের দূর্গা পুজাঁর জন্য প্রশাসনের সাথে মোকাবিলা করে খোলা মাঠে পিয়াচ্ছ ভিত্তরিও পার্কে পূজাঁ পরিচালনা করার জন্য আমাদের সাধ্য মত সাহায্য করেছি।
তাই আসুন সকলে কাধেঁ-কাধঁ মিলিয়ে, একে অপরের পার্শ্বে বসে, সাদা-কালো, ধনি-দরিদ্র ভেদা-ভেদ ভুলে বৃহত্তর ঢাকা সমতি,ি ইতালীর আয়োজনে গণইফতার-২০১7 তে স্বপরিবারে অংশগ্রহন করি। সাথে আপনার পরিচিতি অন্য ইতালীয়ান বন্ধুদেরকেও স্বজাতি বন্ধুদের সাথে দাওয়াত করি।
বশিষে করে আমরা অনুরোধ করব সকল সামাজকি, আঞ্চলকি, সাংস্কৃতকি, রাজনতৈকি, র্ধমীয় সংগঠন এই অনুষ্ঠানে অংশগ্রহন করে এই অনুষ্ঠানটরি গুরুত্ব সকলরে নকিট তুলে ধরুন। মহান আল্লাহতালা আমাদরেকে রোজা রাখার ও সকলে একত্রতি হয়ে ইফতার করার তৌফকিদান করুন—আমনি !!!
ওভঃধৎ চঁননষরপধ, উড়সবহরপধ, 11-০৬-২০১7
গণইফতার-২০১7
11-০৬-২০১7, রবিবার
স্থানঃ ভিয়া মারানেল্লা কাঁচা বাজার সংলগ্ন
BANGLA PARK- Piazza Bartolomeo Perestrello
মাগরিবের নামাজ ও মহিলাদের অংশগ্রহনের সুব্যবস্থা থাকবে।
আয়োজনেঃ বৃহত্তর ঢাকা সমিতি

Manifestazione a Magliana dei Bengalesi

contro aggressione 2 giugno, Festa della Repubblica
È veramente un territorio repubblicano?
Esiste la democrazia qui?
Oppure la parola Repubblica è soltanto per dire?

* I cittadini soffrono per sopravvivere.
* I cittadini si suicidano per non soffrire.
* I cittadini rubano per mangiare.
* I cittadini sono l'uno contro l'altro.
Questa Repubblica non ci garantisce la normalità, la serenità del quieto vivere.
Un esempio: tre giorni fa un lavoratore bengalese è stato vittima di un'aggressione davanti al suo negozio.
Per denunciare questo fatto abbiamo organizzato una manifestazione proprio il 2 Giugno alle ore 14 in Piazza Fabrizio De André (zona Magliana).
Siete tutti invitati a partecipare.
E gli eventi del 2 Giugno non finiscono qui:  dalle 10 alle 22 alla scuola elementare Pisacane si svolgerà una festa per promuovere la convivenza multiculturale con balli, canti, cibo e incontri per conoscere la diversità.
Inoltre il comitato PAC, Parco Archeologico Centocelle, in Via Casilina 713, ha organizzato per tutta la giornata diverse iniziative per combattere l'inquinamento e chiedere l'apertura del parco al pubblico.
Sempre il 2 Giugno, il Governo Italiano ha organizzato la parata al centro di Roma. Forse per dare un senso di sicurezza o forse per far vedere quanto siamo FORTI!
Noi lavoratori chiediamo una vera Repubblica
Una vera convivenza.
Una vera società multiculturale.

Chiediamo che i lavoratori possano lavorare senza essere sfruttati e che i commercianti possano mandare avanti le loro attività senza dover pagare il pizzo.
Diciamolo ad alta voce che non solo il lavoratore bengalese è stato vittima di un'aggressione, siamo tutti vittime, ma siamo anche uniti contro la violenza e il razzismo.
Stampa: Ass.Dhuumcatu, Via Casilina,525

Comunicato Stampa

Comunicato Stampa - প্রেস বিজ্ঞপ্তি - প্রতিবাদ সভা- মালিয়ানা
2 giugno, Festa della Repubblica. È veramente un territorio repubblicano?
Esiste la democrazia qui?
Oppure la parola Repubblica è soltanto per dire?
* I cittadini soffrono per sopravvivere.
* I cittadini si suicidano per non soffrire.
* I cittadini rubano per mangiare.
* I cittadini sono l'uno contro l'altro.
Questa Repubblica non ci garantisce la normalità, la serenità del quieto vivere.
Un esempio: tre giorni fa un lavoratore bengalese è stato vittima di un'aggressione davanti al suo negozio.
Per denunciare questo fatto abbiamo organizzato una manifestazione proprio il 2 Giugno alle ore 14 in Piazza Fabrizio De André (zona Magliana). Siete tutti invitati a partecipare.

E gli eventi del 2 Giugno non finiscono qui:
Dalle 10 alle 22 alla scuola elementare Pisacane si svolgerà una festa per promuovere la convivenza multiculturale con balli, canti, cibo e incontri per conoscere la diversità.
Inoltre il comitato PAC, Parco Archeologico Centocelle, in Via Casilina 713, ha organizzato per tutta la giornata diverse iniziative per combattere l'inquinamento e chiedere l'apertura del parco al pubblico.
Sempre il 2 Giugno,
il Governo Italiano ha organizzato la parata al centro di Roma. Forse per dare un senso di sicurezza o forse per far vedere quanto siamo FORTI!
Noi lavoratori chiediamo una vera Repubblica, una vera convivenza,
una vera società multiculturale.
Chiediamo che i lavoratori possano lavorare senza essere sfruttati e che i commercianti possano mandare avanti le loro attività senza dover pagare il pizzo.
Diciamolo ad alta voce che non solo il lavoratore bengalese è stato vittima di un'aggressione, siamo tutti vittime, ma siamo anche uniti contro la violenza e il razzismo.

Comunità Bengalese di San Paolo

Cari Cittadini
Domani 21-05-2017 dalle ore 14.00 fino alle ore 20.00 si festeggerà con le famiglie di provenienza del Bangladesh che non hanno potuto festeggiare il Capodanno Bangla 1424 per motivi di lavoro lo scorso 14 Aprile ( 1° giorno del Calendario Bangla). L'appuntamento è quindi rivolta a tutti in zona San Paolo.
Siete tutti invitati a conoscere la diversità ed assaggiare anche un piatto tipico GRATUITO ,oltre ai balli, canti e i giochi tradizionali.
Vi aspettiamo a braccia aperte 
21-05-2017 , dalle ore 14.00 fino alle ore 20.00
Parco Don Giacomo Alberone

Comunità Bengalese di San Paolo
Info: 340 786 6861 // 328 610 3672

L'ambulante senegalese morto oppure ammazzato?


Comunicato Stampa ( শেয়ার করে দায়ীত্ব পালন করুন ) 

প্রেস বিজ্ঞপ্তি-- সেনগালের হকারী ব্যবসায়ীর মৃত্যুর বিপক্ষে
শুক্রবার ৫ তারিখ বিকাল ৪টায় সমাবেশ - পিয়াচ্ছা ভেনেসিয়া
L'ambulante senegalese morto oppure ammazzato? L'associazione Dhuumcatu offre tutta la sua solidarietà alla comunità del Senegal e porge le più sentite condoglianze alla famiglia dell'uomo. Vittima di una politica razzista, il giovane stava lavorando per guadagnare qualcosa per sopravvivere, ma invece è diventato un cadavere. Di chi è la responsabilità dell'accaduto? 
La nostra associazione aderisce alla manifestazione organizzata dalla comunità senegalese 
il 5-5-2017 alle ore 16.00 a Piazza Santa Appostoli  piazza Venezia
e aderisce inoltre all'assemblea pubblica indetta dalla stessa comunità 
domani (04-05-2017) alle ore 18.00
in via Campobasso, zona Pigneto.
অনুগ্রহ পূর্বক সকল প্রবাসীর নিকট বিশেষ অনুরোধ রইল অংশ গ্রহন করুন- অন্যায় এর বিপক্ষে রুখে দাড়ান ।
ধন্যবাদ

LA QUESTURA DI ROMA NEGA ILLEGITTIMAMENTE IL CORTEO DEL PRIMO MAGGIO A TORPIGNATTARA

AL MINISTRO DELL’INTERNO
AL PREFETTO DELLA PROVINCIA DI ROMA
E. P.C. AL QUESTORE DI ROMA
E P.C. AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE

LA QUESTURA DI ROMA NEGA ILLEGITTIMAMENTE IL CORTEO DEL PRIMO MAGGIO A TORPIGNATTARA
1.   Venerdi scorso due delegati del territorio, in qualità di rappresentanti di italiani e immigrati di Torpignattara, si presentano in questura per preavvisare, conformemente alle attuali previsioni legislative, l’indizione di un corteo del 1 maggio a torpignattara. L’addetto al ricevimento del preavviso invece di limitarsi a ricevere la comunicazione inizia subito a contestare il percorso del corteo proponendo una manifestazioine statica. I due delegati del territorio rifiutano l’invito, non gli viene neppure concesso di depositare il loro preavviso, e vengono riconvocati al giorno successivo affinchè l’indizione possa essere vagliata dal Capo di Gabinetto.
2.   Altri due promotori del corteo tornano in questura quest’oggi per riprendere il filo della contrattazione, obbligata da una prassi consolidata della questura di roma secondo la quale non si vieta la manifestazione ma si obbligano i proponenti a presentare una richiesta conforme ai desiderata della questura stessa (pertanto è la questura a decidere se, come, quando, in quali forme, può esprimersi il diritto al dissenso ((artt. 17 e 21 della cost). Il solerte funzionario di turno continua a negare la possibilità di effettuare il corteo perchè “non si può fare un corteo per 100/200 persone” e con insistenza e autoritarismo vuole obbligare ad accettare il confinamento dei manifestanti in una piazza.
3.    I due proponenti del corteo rifiutano di seguire l’imposizione arbitraria e priva di alcun riscontro normativo del funzionario e, nuovamente impossibilitati a presentare il preavviso, si allontanano.
4.    Ricordiamo alla questura che questo modo di agire è illegale e illegittimo perché viola le stesse disposizioni previste dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza del 1931 che prevedono esclusivamente l’obbligo di presentare il preavviso al questore e a quest’ultimo di negare la manifestazione ”per ragioni di ordine pubblico, di moralità o di sanità pubblica, e può, per le stesse ragioni, prescrivere modalità di tempo e di luogo alla riunione” e  ancora “Quando il Questore vieti la riunione per ragioni di ordine pubblico, di moralità o di sanità pubblica ....ne dà notizia ai promotori o direttamente o per mezzo dell'autorità di pubblica sicurezza. L'avvenuta comunicazione dovrà risultare da processo verbale.”


Essendo pertanto illegittimo il rifiuto di ricevere il preavviso (facendo sembrare non preavvisata la manifestazione stessa) la decisione di negare il corteo per ragioni che esulano da quelle prescritte dal TULPS, (“siete pochi manifestanti”) e non essendo stato comunicato il diniego in forma scritta ma solo oralmente
i promotori della manifestazione confermano il Corteo con concentramento 
alle ore 10 
a Piazza della Marranella.

Torpignatta Solidale, composta da abitanti italiani e immigrati del quartiere di torpignattara, chiede pertanto alle autorità competenti di intervenire al fine di garantire il diritto di manifestare, agli organi di informazione di rendere pubblico questo grave precedente.  
     
Info: 368559835 // 3398127020

CAPODANNO BANGLA 1424

CAPODANNO BANGLA 1424
Dal 22 al 25 aprile in Via di Centocelle e dalle ore 20.00 alle ore 23.30
Entrata libera 
Parcheggio Gratuito 

Tra musica, balli tipici e tanto buon cibo la comunità bangladese ha ricevuto l’anno nuovo lo scorso 14 aprile.
I festeggiamenti sono iniziati la mattina presto nel suggestivo scenario del parco degli acquedotti di Roma per poi, il pomeriggio, continuare nel quartiere multiculturale di Torpignattara, dove la comunità bangladese di Roma ha la sua massima concentrazione.
Per l’occasione ci si sveglia presto e l’evento prende il via intonando canzoni del repertorio nazionale, poi si continua con l’assaggio dei diversi piatti tipici bangladesi: dal riso al pesce fritto, dalla carne ai dolci al cocco. I colori dei vestiti tradizionali, i volti pitturati e le bandiere che sventolano in aria riempiono di colore la giornata soleggiata e l’inizio dell’anno 1424, secondo l’antico calendario tradizionale, il Bangala, prende il via.
“E’ un’occasione per incontrarsi e trascorrere del tempo libero insieme. Una festa aperta a tutti e con la quale, oltre a festeggiare l’arrivo del nuovo anno vogliamo far conoscere la nostra comunità e la nostra cultura agli italiani. Infatti, oggi qui, tutti hanno la possibilità di assaggiare le nostre specialità culinarie gratis,” spiega Bachu, fondatore dell’associazione Dhuumcatu 
“Dopo la degustazione dei piatti tipici si continua con la sfilata delle donne che portano lo stand con la scritta “Benvenuto Boishak” mentre intonano canzoni per ricevere l’anno nuovo. Inoltre, tutte loro indossano il Sari, vestito bianco-rosso o giallo-rosso, tipico per l’occasione insieme a diversi bracciali bianchi, simbolo di purezza, fatti a mano con i fiori. Gli uomini, invece, indossano il paejama veste tradizionale maschile, generalmente bianca,” spiega Bachu.
Nel tardo pomeriggio, il sole splende ancora, e la prima giornata di festeggiamenti per il capodanno bangladese si conclude con l’esibizione dei ballerini sul palcoscenico insieme a quella dei bambini, ai quali vengono insegnate anche la danza e la musica tradizionale.
“Prima di concludere la prima giornata di festeggiamenti per il capodanno bangla, abbiamo voluto ringraziare anche tutti i vicini del quartiere per la loro disponibilità e accoglienza e invitiamo, non solo alla comunità bangladese ma anche a quella romana, a festeggiare il prossimo 22 aprile,” conclude Bachu.
Infatti, la celebrazione del Boishakhi Mela, o capodanno bangla, non è finita qui: dal 22 al 25 aprile in Via di Centocelle e dalle ore 20.00 alle ore 23.30, sarà possibile continuare a ballare e cantare i ritmi tipici della terza comunità più numerosa a Roma, dopo quella rumena e filippina.

14 Aprile a Largo Preneste

Santo Venerdi + Guru Nanak + Capodanno Bangla sono vera convivenza
সহাবস্থানের প্রতি সম্মান রাখা আপনার আমার সকলের দায়ীত্ব
শেয়ার করে আপনার বুন্ধদের অবগত করুন- ধন্যবাদ

প্রিয় ইতালী প্রবাসী বোন ও ভাইয়েরা
১৪ এপ্রিল কি শুধূ মাত্র বাংলা নববর্ষ পহেলা বৈশাখ ?
না কি অন্য কোন অনুষ্ঠান আছে ?
জি আমাদের জানামতে বিভিন্ন অনুষ্ঠান আছে, তদ মধ্যে
বিশেষ উল্লেখ যোগ্যঃ
--১লা বৈশাখ--গুড ফ্রাইডে খৃষ্টধর্ম

--ও শিখ ধর্ম যাজক গুরু নানকের জন্মাউৎসব
ফলে আমরা অুনরোধ করব, আমাদের আনন্দ উৎসব যেন অন্য কোন উৎসবের সাথে সাংঘর্ষিক না হয় ।
ধন্যবাদ ------ ধূমকেতু

il giorno 14 aprile, Venerdì Santo anche festa religiosa Shik e coincide con il Capodanno Bangla 1424, la comunità Bengalese Vi augura buone feste e Vi invita all'inaugurazione del Capodanno Bnagla che si terrà a Roma, Largo Preneste dalle ore 14.30 alle ore 19.30. Le famiglie Bengalesi sono liete di invitarvi per festeggiare insieme questa giornata dove potrete degustare gratuitamente un piatto tipico bengalese. Per quanto riguarda la Vera festa del Capodanno Bangla si terrà nei giorni 22-23-24-25 Aprile in Via di Centocelle 100, dalle ore 20.00 alle ore 23.30, sarà un'occasione di conoscenza reciproca in cui si ballerà, canterà e si assaggeranno piatti tipici.
 La comunità Bengalese si augura una vostra partecipazione numerosa e vivace.

1° Maggio a Torpignattara

Tutti contro tutti? Ma a chi conviene?

25 Aprile Assmblea Pubblica
Per chi abita nelle periferie e nei quartieri popolari delle grandi città la vita non è certo semplice. Il lavoro (quando c’è) è spesso malpagato, insicuro e precario, mentre i servizi sociali scarseggiano e diventano sempre più difficilmente accessibili.
Le persone in difficoltà si trovano sempre più sole e in balia dei loro problemi, chi ha un’occupazione vive nel timore di perderla dall’oggi al domani, mentre i giovani hanno davanti un futuro con ben poche prospettive.

È in questo clima che (grazie anche alla propaganda della stampa e delle televisioni) crescono e si diffondono sentimenti di diffidenza e ostilità reciproca tra coloro che vivono le stesse difficoltà e le stesse condizioni. È in questo clima che cresce e si diffonde il veleno del razzismo.
Tutti siamo spinti a percepire gli altri (soprattutto se immigrati) come dei pericolosi concorrenti da cui guardarci e di cui possibilmente sbarazzarci.

Una vera e propria cuccagna per i “poteri forti”, cioè per i veri responsabili dei guai delle periferie. Le banche, le grandi multinazionali, i palazzinari ed i governi possono così infatti prendere due piccioni con una fava.
Da un lato con le loro politiche, le loro iniziative, i loro “tagli” rendono sempre più difficoltose le nostre esistenze.
Dall’altro lato, aizzandoci l’uno contro l’altro e seminando razzismo contro gli immigrati, ci scaraventano in una guerra di “tutti contro tutti” che ha il solo risultato di indebolire noi (tutti noi, italiani e immigrati)  e di rafforzare loro.

Il degrado dei quartieri periferici e le mille difficoltà che assillano l’esistenza di chi li abita potranno essere affrontati positivamente solo respingendo il razzismo, rifiutando la logica della guerra tra lavoratori e, al contrario, iniziando a costruire primi momenti di discussione, organizzazione mobilitazione comune contro i veri responsabili del degrado, della precarietà e dell’insicurezza.


25 Aprile assemblea alla festa  Capodanno Bangla
Via Di Centocelle-100
Alle ore 18.00

Primo Maggio ore 10,00 Corteo nel quartiere di
Tor Pignattara
Partenza Piazza della Marranella - Roma